IL FUMETTO ANIMATO CHE PUNTA ALL'OSCAR

La notte del 24 febbraio ci sarà in palio anche l’Oscar per il miglior film di animazione, un premio a cui tutti gli appassionati di cinema si sono subito affezionati e che è diventato uno dei più caldi dell’Academy, nonostante la categoria sia nata solo nel 2002 per premiare l’acclamatissimo Shrek.

Tra le nomination di quest’anno Gli Incredibili 2 e Ralph spacca Internet sono stati due sequel deludenti in confronto alla grandezza dei propri predecessori; Mirai è la quota Giappone di quest’anno e l’Academy potrebbe riservare una bella sorpresa a conferirle l’ambita statuetta; ma il principale avversario alla vittoria di Spiderman è L’isola dei cani di Wes Anderson.

La scelta è difficile, ma noi stiamo con il nostro amichevole supereroe di quartiere.

Potremmo essere influenzati da un briciolo d’orgoglio nazionale, dal momento che Sara Pichelli è l’illustratrice dell’universo Ultimate di Spiderman, di cui Spiderman – un nuovo universo è la prima trasposizione cinematografica.

La storia del giovanissimo e imbranato Miles Morales di Spiderman offre tante soddisfazioni, soprattutto per la complessità e la solidità della trama. I personaggi sono numerosi, e tutti sapientemente costruiti: tutti e cinque gli Spiderman provenienti da realtà parallele(nella storia non ne compare uno, ma ben cinque spidermen, che a causa di un collasso spazio-tempo si sono ritrovati catapultati tutti dai loro mondi a una stessa realtà in cui si trovano a convivere) hanno una caratterizzazione approfondita e incisiva, Kingpin è un cattivo articolato e credibile, e Miles riesce a occupare un posto nel cuore di ogni spettatore anche con un semplicissimo “Ehi!”

Il ritmo è incalzante e dietro ogni angolo sta una svolta imprevedibile degli eventi: il tono è a bordo di montagne russe che passano da picchi avvincenti a crolli in momenti estremamente tragici, con intermezzi comici efficaci grazie a cui si respira sempre un’aria leggera. Insomma, è un film senza tregua e non ha un solo ingranaggio che s’inceppi nella sua ricca e grande macchina narrativa.

Merito che purtroppo non possiamo riconoscere invece a L’isola dei cani, prodotto dalla forte identità e di alta qualità, ma carente di credibilità in uno dei suoi momenti finali: avvisiamo dell’attraversamento di spoiler, quando diciamo che la conversione del crudele e gattaro sindaco Kobayashi è tanto repentina da sembrare un deus ex machina, dal momento che non viene sufficientemente giustificata nè dalla sua caratterizzazione nè dall’influenza degli eventi della trama sul personaggio.

intothespiderverse2jpg

L’Isola dei cani e Spiderman – un nuovo universo sono in competizione più stretta se invece si parla di tecniche di animazione: la plastilina di Wes Anderson è quanto di più morbido ed elegante si possa chiedere alla stop-motion – e lo sa bene chi ha avuto l’infanzia turbata dai movimenti grotteschi di Galline in fuga.

Lo scopo artistico di Spiderman – un nuovo universo era quello di far sentire lo spettatore “come se camminasse all’interno di un fumetto”: la CGI è stata combinata a varie tecniche di illustrazione fumettistica come linee e punti facilmente discernibili nei volti in primo piano, o con un accentuato fuori fuoco dello sfondo a favore degli elementi in movimento.

Questo ultimo Spiderman offre qualcosa di diverso sul mercato cinematografico, a livello di contenuto e forma. E la Nuova Accademia di Cinema non può che premiare la novità, e vederci un valore da riconoscere.


Claudia Pompa

Resp. Corsi di Sceneggiatura